stile nautical navy a strisce
Moda

Moda a strisce, la storia dello stile nautical

Tornato di moda negli ultimi anni, lo stile nautical ha saputo conquistare il cuore e il guardaroba di molte donne e molti uomini. Questi capi a righe blu e bianche ebbero origine nel nord della Francia, quando furono ideate per i marinai bretoni allo scopo di renderli ben visibili in caso di uomo in mare e anche per nascondere lo sporco che facilmente si accumulava sui vestiti durante la navigazione.

Un po’ di storia a righe

Ma facciamo un salto ancora più indietro, nel XII secolo, quando le righe erano simbolo di discriminazione. Nel Medioevo esisteva una forte regolamentazione su cosa si poteva indossare e cosa no. Il colore rosso era prerogativa dei magistrati, le perle delle vedove e le righe di persone umili o di scarti della società come prostitute e giullari. Per molto tempo gli abiti a righe hanno avuto una connotazione negativa, infatti la figura del galeotto è ancora oggi nelle nostre menti vestita a righe bianche e nere.

Le cose iniziarono a cambiare proprio grazie ai pescatori e ai marinai della Britannia, che hanno salvato questo stile fino a farlo giungere ai giorni nostri.

Nel 1858 divenne la divisa ufficiale della marina militare francese, con 21 righe che simboleggiassero le vittorie di Napoleone.

Da divisa militare a capo di alta moda

Se oggi ci è possibile trovare nelle nostre boutique capi in stile nautico, lo dobbiamo a Coco Chanel, che per prima mostrò interesse per quella divisa tipicamente maschile, riadattandola come abito femminile di tendenza. Da quel momento in poi sono stati molti i personaggi che hanno contribuito alla diffusione di questo stile, come Pablo Picasso o Brigitte Bardot. Le case di moda creano ogni anno nuove collezioni e nuove tendenze che prendono spunto dalle originali righe bianche e blu, senza limitarsi alla maglieria, ma adattandola ad ogni capo di abbigliamento.

Uno stile che non passa mai

Lo stile navy è tipicamente estivo, sa di mare, sa di spiaggia, quasi ogni donna possiede almeno un capo a righe da sfoggiare in vacanza. Vestiti lunghi o corti, t-shirt o giacche, indossare questi capi darà un tocco di allegria al vostro stile e possono essere abbinati nei modi più svariati.

Per un look casual basterà abbinare le nostre righe a dei sandali bassi e a una giacchetta di jeans, per ottenere invece uno stile più particolare, zeppe e accessori color oro.

Non solo bianco e blu

Negli anni questo stile si è evoluto e ha assunto innumerevoli forme e colori. Per aggiungere un ulteriore tocco estivo è perfetto l’abbinamento con gli orologi modello Capri, scegliendo lo stile e il colore che più si adatta al nostro outfit.

Righe per tutti

Quello navy è uno stile talmente vario che ben si adatta a tutti i gusti e ad ogni tipo di corpo. Per un corpo più in carne è meglio optare per le righe verticali anziché orizzontali o per le più bassine meglio scegliere strisce più sottili. Attenzione a non esagerare! Meglio evitare di abbinare più capi rigati, sceglierne uno e accostarlo ad un altro, possibilmente a tinta unita.

La rivincita delle strisce

Dal medioevo alle passerelle dei giorni nostri, questo tipo di abbigliamento ha certamente saputo prendersi la sua rivincita nel tempo. Diventato abito tipico per i marinai, ha conquistato il ruolo di divisa ufficiale nella marina militare francese. Una storia affascinate che gli ha garantito un posto fisso nei cataloghi di moda, ogni volta con qualcosa di diverso.

No Comments

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.