come ridurre spreco acqua in casa
Go Green

Giornata mondiale dell’acqua: come ridurre gli sprechi

Il 22 marzo si celebra la Giornata mondiale dell’Acqua, istituita dall’ONU nel 1993 e volta a sensibilizzare sull’importanza di preservare questa risorsa vitale, ridurre gli sprechi e favorire un consumo consapevole e rispettoso dell’ambiente. Ma è una questione che affrontata ogni giorno dell’anno.

Oggi, infatti, 2 miliardi di persone non hanno accesso ai servizi igienici di base mentre 785 milioni non dispongono di acqua potabile. Nel lungo periodo, l’eccessivo e sregolato sfruttamento delle fonti idriche avrà pesanti conseguenze e si stima che entro il 2050 il 51% della popolazione e il 46% del PIL globale saranno a rischio idrico, come riportato nel Rapporto mondiale delle Nazioni Unite sullo sviluppo delle risorse idriche.

In questo scenario complesso, però, si può sempre scegliere di agire individualmente per essere protagonisti attivi nella lotta contro gli sprechi: da piccoli gesti quotidiani fino alla scelta di interventi e tecnologie in grado di ottimizzare l’uso di acqua in casa. Gli esperti di habitissimo, portale che mette in diretto contatto privati e professionisti qualificati per interventi di riqualificazione, ristrutturazione ed edilizia, suggeriscono alcune soluzioni per ridurre il proprio impatto ambientale e preservare questo bene prezioso, riducendo i consumi.

1) Sostituire i rubinetti

Oltre a verificare la presenza di eventuali perdite che possono essere fonte di un grande sperpero, il primo passo per essere certi di non sprecare acqua consiste nel verificare lo stato di rubinetteria, soffioni e colonne doccia. Nel caso in cui sia necessario sostituire la rubinetteria, è possibile scegliere tra un’ampia gamma di prodotti come i rubinetti monocomando con frangigetto incorporato o con riduttori di flusso integrati. Questi innovativi dispositivi, limitando la portata dell’acqua, possono garantire un risparmio fino al 50%. Qualora non vi fosse bisogno di sostituire i rubinetti, si potrebbe prevedere l’installazione dei riduttori di flusso su quelli esistenti, una miglioria abbastanza economica ma di grande impatto sui volumi di consumo.

2) Privilegiare soluzioni smart

A sostituzione dei sanitari in ceramica con nuovi apparecchi con volume massimo di scarico uguale o inferiore a 6 litri è uno degli interventi più importanti per ridurre gli sprechi e rientra tra le tipologie di lavori di ristrutturazione agevolati previsti dal Bonus idrico. Se non si vogliono effettuare interventi impegnativi, l’ideale per risparmiare acqua è installare cassette dual-flush per WC che, grazie ai comandi differenziati permettono di calibrare la quantità di acqua per lo scarico. È anche consigliabile optare per soluzioni touchless che si avvalgono di comandi ad infrarossi e, oltre ad ottimizzare il consumo d’acqua, massimizzano l’igiene.

3) Scegliere elettrodomestici più performanti

Lavabiancheria e lavastoviglie, è bene saperlo, sono le prime fonti di consumo idrico domestico. Per questo è fondamentale scegliere accuratamente e usare in modo intelligente questi elettrodomestici, indispensabili per il comfort e l’igiene in casa. Al momento dell’acquisto di un nuovo elettrodomestico è importante leggere attentamente l’etichetta energetica che informa i consumatori non solo sulle prestazioni ma, in caso di lavatrici e lavastoviglie, anche rispetto al risparmio idrico. Ovviamente non basta dotarsi di un elettrodomestico performante, bisogna anche usarlo in modo corretto per evitare sprechi. In tal senso, generalmente è consigliabile far partire i lavaggi in lavatrice e lavastoviglie solo a pieno carico, prediligere programmi brevi e a risparmio e, periodicamente, assicurarsi rispetto alla pulizia del filtro dell’elettrodomestico.

4) Revisionare l’impianto idraulico

Oltre alla manutenzione ordinaria che può essere svolta in completa autonomia (sostituendo rubinetti e filtri) è consigliabile, effettuare periodicamente una revisione idraulica completa in modo da testare gli impianti e individuare eventuali problemi. Con una corretta manutenzione è possibile ridurre i costi energetici, risparmiare acqua e mantenere l’impianto in corretto funzionamento. Inoltre, anticipare la sostituzione di vecchie tubature, può prevenire allagamenti e danni strutturali che possono essere molto onerosi.

No Comments

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.